Pirate care

Valeria Graziano, Marcell Mars e Tomislav Medak sono gli iniziatori del Pirate Care project: mappatura delle crescenti forme di attivismo nate nell’intersezione tra “cura” e “pirateria”, le quali, attraverso nuove forme sperimentali, cercando di intervenire in uno dei settori più emergenziali del nostro tempo, la “crisi della cura”. Le pratiche di pirate care condividono una volontà di disobbedire apertamente alle leggi e regimi legislativi imposti, a sostegno di pratiche di solidarietà e di politicizzazione della disobbedienza per la contestazione dello  status quo. Sono iniziatori dei Pirate Care Syllabus e hanno sviluppato la piattaforma sperimentale Sandpoints per i processi di scrittura collettivi.

Valeria Graziano è una teorica e professionista culturale, attualmente Research Fellowship presso il Centro per le Culture Post Digitali, alla Coventry University. La sua ricerca si situa all’intersezione tra pratica artistica, radical education e l’organizzazione dei movimenti sociali. Il suo lavoro è incentrato sulle tecniche, tecnologie e strumenti a supporto della società per il rifiuto del lavoro, a favore di una ridistribuzione del lavoro riproduttivo e della politicizzazione del piacere. Valeria ha tenuto  conferenze a livello internazionale, contribuendo a programmi quali MA in Gender Studies, Roma Tre; MA in Curating, Aalto University; e BA in Visual Cultures, Goldsmiths. Ha sviluppato progetti As a per l’Impulse Festival; Intermediae; Manifesta 7 and Van Abbemuseum, tra gli altri.
Marcell Mars è ricercatore presso il Centro per le Culture Post Digitali, alla Coventry University. Mars è uno dei fondatori del Multimedia Institute/MAMA a Zagabria. La sua ricerca Ruling Class Studies, iniziata presso la Jan van Eyck Academy (2011), indaga lo stato dell’arte dell’innovazione digitale, l’adattamento e l’intelligenza creata dalle Corporation quali Google, Amazon, Facebook, ed eBay. È dottorando presso il Digital Cultures Research Lab alla Leuphana University, con la tesi ‘Foreshadowed Libraries’. Insieme a Tomislav Medak ha fondato Memory of the World, per la quale sviluppa e gestisce l’infrastruttura software. È inoltre sviluppatore dell’ experimental publishing tool Sandpoint.
Tomislav Medak è ricercatore presso il Centro per le Culture Post Digitali, alla Coventry University. Medak è membro del publishing team del Multimedia Institute/MAMA a Zagabria, nonché “bibliotecario” del Memory of the World project. La sua ricerca si focalizza sull’economia politica delle tecnologie, crisi ecologica planetaria e transizione post capitalista. È autore di due volumi: ‘The Hard Matter of Abstraction – A Guidebook to Domination by Abstraction’ e ‘Shit Tech for A Shitty World’. Con Marcell Mars ha co-editato i volumi ‘Public Library’ e ‘Guerrilla Open Access’.